Nectar of Bio by Carrefour - Crema giorno idratante

Nectar of Bio crema giorno

Grazie a Trnd e a Carrefour ho avuto l'opportunità di provare una crena viso che mi sta davvero piacendo molto.

E' la crema giorno idratante della linea di cosmetici biologici di Carrefour che prende il nome di Nectar of Bio e che comprende non solo prodotti per il viso ma anche per il corpo ed i capelli, il tutto made in France.

Nectar of Bio - Crema idratante viso da giorno con ninfea bianca

E' una crema viso giorno e proprio grazie al 95% di ingredienti di origine naturale è perfetta per tutti i tipi di pelle, infatti anche se ho la pelle secca e sensibile, posso dire che la sta idratando alla perfezione.

Tra l'altro la sta utilizzando anche mia sorella, che a differenza mia, ha una pelle grassa ed anche lei sta amando questa crema, ha anche notato un miglioramento con riduzione dei pori dilatati.

crema bio nectar ninfea bianca

Nectar of Bio by Carrefour, Crema idratante  giorno con ninfea bianca


Ha una consistenza fluido cremosa e si assorbe velocemente, infatti proprio per questo motivo la consiglio anche come base viso, perché una pelle ben idratata consente una tenuta maggiore del trucco.

Essendo ricca di principi attivi può essere applicata a piccoli dosi, sia sul viso che sul collo, l'importante è che la pelle sia ben pulita e detersa.

La sua profumazione è molto gradevole e tenue, dalle noti dolci, quindi perfetta per chi non tollera i cosmetici con profumazioni eccessive.

Anche se è una crema da giorno, a mio avviso è perfetta d'applicare anche la sera, soprattutto per chi ha la pelle secca come la mia, perché dona subito un effetto rinfrescante oltre che idratante, così appena sveglie la pelle appare più riposata e luminosa.


Inci

Aqua, Caprylic/Capric, Triglyceride Glycerin, Glyceryl, Stearate Citrate, C10-18 Triglycerides, Dicaprylyl Carbonate, Glyceryl Stearate SE, Olus Oil, Cetearyl,Alcohol, Parfum, Hydrogenated Vegetable Oil, Monosodium Citrate, Xanthan Gum, Sodium Benzoate, Candelilla Cera, Potassium Sorbate, Aloe Barbadensis Extract***,  Nymphaea Alba Flower Extract***, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Citric Acid


Tra i suoi ingredienti spiccano:

  • Ninfea Bianca, con proprietà idratanti e purificanti.
  • Aloe Vera, ricca di proprietà lenitive, idratanti e antiossidanti.
  • Cera Candelilla, con proprietà emollienti e ammorbidenti.

Ora di certo vi starete chiedendo quanto costa questa crema idratante viso così efficace ed il prezzo vi stupirà infatti costa poco più di 3 euro e sono 50 ml di prodotto.

Potrete acquistarla comodamente online CLICCANDO QUI e con il codice sconto BIO30 potrete avere il 30% di sconto, ma attenzione perché potrete utilizzarlo entro il 12 Ottobre.


Nectar of bio



Leggi tutto...

Gioielli autunno-inverno: guida alle ultime tendenze

Gioielli autunno-inverno: guida alle ultime tendenze


Settembre, si sa, porta con sé numerose novità: si ricomincia a lavorare, si ricomincia con le uscite più classiche e tranquille del week-end, si ricomincia con i buoni propositi e tra questi non può e non deve mancare quello di fare del buono e sano shopping per poter affrontare al meglio l’autunno e l’inverno

A volte per poter rivoluzionare il proprio guardaroba, però, basta veramente poco: non serve acquistare numerosi capi d’abbigliamento, si può anche scegliere di rinnovare i propri outfit con un tocco in più, ovvero i gioielli

Ma quali sono i gioielli di maggior tendenza del prossimo autunno e inverno? E, soprattutto, dove acquistarli? Alla prima domanda risponderemo con calma nei prossimi paragrafi, per la seconda risposta non serve aspettare: Rue des Mille è la vera garanzia di successo!


Gli stili del momento 

Al primo posto tra le tendenze e gli stili della prossima stagione troviamo qualcosa che arriva direttamente dal passato: le perle

Se queste, infatti, fino a poco tempo fa erano considerate obsolete, oggi sono considerate un vero e proprio must have

La collana di perle, infatti, nella sua versione minimale, torna ad essere una delle protagoniste indiscusse nel campo dei gioielli, senza rinunciare ad un tocco cool e grintoso

Rue des Mille conosce bene questa tendenza e con la sua collezione, Galactica, rende le perle protagoniste di diversi gioielli adatti sia ad outfit eleganti che come contrasto per gli outfit più ribelli
.
Nell’ambito dei bracciali, tornano in voga i “multi bangles”, meglio conosciuti come “bracciali rigidi” che vanno indossati in un numero rilevante e tale da ricoprire i polsi e creare un effetto unico.

Ovviamente questo non significa che dobbiate indossarne un numero preciso: all’interno del proprio stile non vi sono regole, contano solo i vostri gusti. 

Per adornare il proprio collo e arricchire il proprio décolleté la regola è “plus is more”, le nuove tendenze vogliono vedere fili di catenine sovrapposte di lunghezze diverse dove l’oro, l’oro rosa e l’oro bianco sono i veri protagonisti, senza dimenticare qualche tocco di colore.

Il richiamo dei gioielli genderless

Ma la vera tendenza di quest’anno sono, più probabilmente, quelli che possiamo tranquillamente definire “gioielli unisex”. 

Si tratta di proposte di gioielli sempre più difficili da collocare in uno dei due generi, fatti di contaminazioni tra il maschile e il femminile, dove la parola d’ordine sembra essere inclusività.

All’interno di questo nuovo panorama a fare la differenza sono i materiali e il design, entrambi proiettati verso la sperimentazione audace e in linea con i tempi. 

Rue des Mille non rimane indietro, anzi con la sua linea di gioielli “À la garçonne” riesce ad essere inclusiva senza dimenticare l’eleganza e la raffinatezza caratterizzanti. 

I gioielli no-gender hanno rivoluzionato ogni oggetto: dai bracciali alle collane, passando per gli anelli e gli orecchini, dove non esistono più accessori tipici per gli uomini o per le donne, dove non è raro vedere, ad esempio, fantasie floreali su un uomo o anelli chevalier sulle donne. 

L’obiettivo di questi gioielli e di Rue des Mille, in tutte le sue collezioni, è quello di promuovere l’estro del singolo, sempre.


Leggi tutto...

Asciugare i panni in casa, ecco come fare

Come asciugare i panni in casa

Asciugare i panni in casa, consigli utili



Non tutti hanno un'asciugatrice, il più delle volte la causa è mancanza di spazio e bisogna dire che anche chi ce l'ha tenderà a ridurne l'utilizzo a causa del caro bollette, quindi spero che questo articolo potrà tornarvi utile.

Di certo, il modo migliore per asciugare i panni resta farlo al sole o comunque farlo all'aria aperta, ma non tutti hanno lo spazio per farlo ed anche chi ce l'ha non potrà ugualmente farlo nelle giornate più fredde e nei periodi con piogge e temporali.

Ma basta chiacchiere e passiamo agli step da seguire per asciugare i panni in casa, senza far danni.

La lavatrice va fatta in modo corretto

Il primo step per non ritrovarci con dei capi che una volta asciutti abbiano un cattivo odore è lavarli in lavatrice in modo corretto e con i giusti prodotti.

Il detersivo liquido o in caps e l'ammorbidente non bastano, bisogna aggiungere sempre anche un'igienizzante a base di ossigeno attivo, ad esempio va bene la candeggina Ace Colors, che tra l'altro va anche a smacchiare, in questo modo i vostri capi saranno ben profumati e puliti a fondo.

Attenzione anche al programma di lavaggio, ad esempio non osate lavare asciugamani ed accappatoio a meno di sessanta gradi.

Infine per velocizzare l'asciugatura in casa, è importante impostare la centrifuga sui numeri più alti, per il cotone e tessuti resistenti potete impostarla anche sui 1200 giri, mentre per i tessuti più delicati meglio non superare i 900 giri.

In questo modo si andrà ad eliminare molta più acqua, infatti c'è anche chi aziona la centrifuga due volte proprio per poi velocizzare il processo di asciugatura in casa.

Stendere i panni ben distanziati

Il secondo step è stendere il bucato in modo intelligente, cercando di non sovrapporre i capi perché altrimenti il processo di asciugatura sarà più lento.

Una buona idea per stendere i capi ben distanziati è utilizzare degli stendibiancheria verticali, perché consentono di stendere molti più capi, così da non rischiare di soprapporli.

Per alcuni capi potrete optare a stenderli con le grucce, così oltre ad asciugarsi prima non rischierete di ritrovarli con gli antiestetici segni che possono lasciare le mollette.

Dove posizionare lo stendibiancheria

E' importante scegliere anche il giusto posto dove porre lo stendino con i panni d'asciugare.

L'ideale è scegliere una stanza in cui non ci sia molto via vai, va bene anche una stanza piccola e deve essere arieggiata, quindi molto meglio se c'è una finestra, da lasciare aperta o d'aprire di tanto in tanto, per evitare che si accumuli umidità.

Se non avete alcuno spazio in casa che sia anche solo un minimo arieggiato, allora non vi resta che procurarvi un deumidificatore.

Una buona idea è anche porre lo stendibiancheria in prossimità di un termosifone o di un ventilatore.




Leggi tutto...

Merende da portare a scuola, due ricette facili e veloci

Merende fatte in casa per la scuola

Merende da portare a scuola, due ricette facili e veloci, dolci e salate

La ricreazione è uno dei momenti più attesi a scuola. ecco perché la merenda da portare non deve mai deludere.

Di certo si punta principalmente a merendine già confezionate o snack vari, anche perché non sempre c'è il tempo per poter preparare una merenda fatta in casa, nettamente più sana di quelle ricche di conservanti.

E sarebbe fantastico avere sempre il tempo per prepare dei biscotti fatti in casa o delle brioche calde, ma appunto andando spesso di fretta è impossibile e allora eccovi due ricette facili e veloci, per preparare al vostro bimbo una buonissima merenda da portare a scuola ed in realtà sono merende perfette per tutte le età.

Sono delle ricette non solo facili e veloci ma anche versatili, perché sono dolci ma cambiando il ripieno sono perfette anche come ricette salate!

Ricetta fagottini ripieni

Dei saccottini realizzati grazie alla pasta sfoglia, ovviamente non vi chiedo di preparare la pasta sfoglia altrimenti la ricetta non sarebbe più semplice e veloce.

Vi basterà semplicemente acquistare un rotolo di pasta sfoglia al supermercato, mi raccomando di sceglierlo dal reparto frigo e non da quello dei surgelati.

A questo punto sta a voi scegliere se preparare la merenda la mattina stessa oppure la sera prima.

Ingredienti 

Un rotolo di pasta sfoglia.

Nutella o altra crema alle nocciole.

Zucchero a velo q.b..

Procedimento

Sulla pasta sfoglia andiamo a spalmare la crema alle nocciole e poi andiamo ad arrotolarla.

Poi andiamo a tagliare per creare i nostri fagottini e riponiamoli su una teglia con carta forno.

Inforniamo in forno preriscaldato a 180 gradi per dieci minuti circa.

Una volta pronti completiamo aggiungendo dello zucchero a velo.

Potrete riporli in un piccolo contenitore, ad esempio una lunch box oppure racchiuderli singolarmente nella pellicola trasparente.

Vi lascio qui un mio video tutorial, anche se è di molti anni fa, ma il procedimento non cambia.

Ovviamente questo è solo un piccolo esempio di merenda per la scuola preparata con la pasta sfoglia, perché in realtà ne potreste realizzare davvero molte, quindi date un'occhiata al mio canale youtube oppure al mio food blog Carmy in cucina

Fagottini in versione salata

Se preferite il salato, allora potrete farcire con altro, infatti con lo stesso procedimento e senza zucchero a velo, potrete realizzare una sorta di panini napoletani.



Ricetta girelle di pancarrè

Passiamo a delle girelle furbe perché in realtà sono un modo più goloso per del pancarrè con nutella o marmellata.

Ingredienti

Un paio di fette di pancarrè per tramezzini.
Nutella o marmella q.b.
100 grammi di cioccolato al latte o fondete (facoltativo).

Procedimento

Con un matterello stendiamo il pancarrè, aggiungiamo la crema alle nocciole o la confettura e poi arrotoliamo, proprio come vi ho mostrato per realizzare i fagottini.

Poi avvolgiamo nella pellicola trasparente e facciamo riposare in frigo almeno un'oretta, trattandosi di una merenda per la scuola, è meglio preparare il rotolo la sera prima e lasciarlo nel frigo tutto la notte.

Andiamo a tagliare per dar vita alle nostre piccole ma buonissime girelle!

Per renderle ancora più gustose, se avete un po' di tempo in più, potreste anche sciogliere il cioccolato a bagnomaria o in microonde ed immergere la base di ogni girella e poi lasciare che il cioccolato si solidifichi, ma ovviamente non fatelo nelle stagioni calde, perché altrimenti il cioccolato potrebbe sciogliersi nelle ore di attesa prima della ricreazione a scuola.

Una buona idea ed anche più ricca e gustosa è utilizzare per la realizzazione non il classico pan carré ma il pan brioche oppure se le preparate poco prima o poco dopo le feste natalizie allora sono perfette anche delle fette di pandoro.

Girelle tramezzini


Anche in questo caso potreste seguire lo stesso procedimento per una ricetta salata, per ottenere dei gustosi tramezzini a forma di girella, qualche idea per il ripieno salato? Ad esempio maionese e salmone oppure formaggino e prosciutto.

Ma nel caso delle girelle di tramezzino è meglio aggiungere uno stecchino di legno al centro, ovviamente nella parte superiore, così non si rischia che la girella possa aprirsi.


Girelle furbe
Leggi tutto...

Collane da donna: una guida per non sbagliare

 

Collane da donna

La collana è un accessorio importante per una donna: se ben scelta valorizza il viso, il décolleté e il fisico nella sua completezza. Ci sono occasioni che richiedono un certo collier, così come l'outfit scelto e la nostra scollatura. Una collana ha l'enorme capacità di rendere speciale qualcosa di molto semplice, ecco perché è necessario non sbagliare nella scelta di questo accessorio così importante.

Vediamo insieme come è possibile ottenere il risultato atteso, scegliendo il dettaglio più adatto sulla base di alcune delle più frequenti variabili.

La collana giusta in base alla propria fisicità

In linea di massima dobbiamo cercare il modello che ci valorizza, sempre. Quindi una prima considerazione va fatta in base al nostro fisico, al nostro décolleté e, perché no, in base alla nostra personalità.

Se si ha una corporatura robusta è consigliato indossare collane abbastanza lunghe che slancino la nostra figura; al contrario, se siamo particolarmente esili, questo tipo di accessorio è sconsigliato.

Stesso ragionamento va fatto per la statura, un po' come per le scarpe con i tacchi; infatti il tacco alto slancia proprio come può fare una collana lunga.

Nel caso in cui si abbia un collo piuttosto importante, sono da preferire collane sottili che non vadano ad appesantirci.

Qualsiasi sia la nostra scelta, ricordiamoci che la collana deve valorizzare, quindi cerchiamo di fare della buona e sana autocritica e non cedere ad eccessi che rischierebbero di non farci ottenere l'effetto desiderato.

La collana ideale in base al proprio outfit


In questo caso, sempre tenendo conto del nostro fisico, valutiamo la nostra scelta in base a ciò che abbiamo addosso. Partiamo da una prima analisi basata sul tipo di scollatura che andremo ad indossare.


  • Scollo a V: in questo caso sono consigliate collane che non arrivino a toccare la stoffa del nostro abito, magari qualcosa di sottile e con un punto luce se si ha un seno abbondante, o un girocollo un po' più importante per chi ha delle curve meno evidenti.

  • Collo alto: questo è il caso in cui sono consigliate collane lunghe che arricchiscono il vestiario senza appesantirlo alla vista; una precisazione da fare, forse scontata, è quella di non optare per una maglia a fantasia, ma per un monocolore.

  • Scollatura dritta: in questa circostanza abbiamo le spalle nude e quindi la necessità di impreziosire un’ampia area; ecco che una collana spessa, decorata e corta può fare la differenza; ci sono però un paio di accortezze di cui tenere di conto, come evitare gli orecchini e prediligere un abbigliamento in tinta unita.

  • Colletto: una polo, una camicia o un qualsiasi abito che abbia un colletto, andrà valorizzato con qualcosa di corto e semplice, come un filo di piccole perle o una collana sottile con un ciondolo. Facciamo ora una breve analisi di scelta basta sulle fantasie dei nostri abiti. 

Il monocolore, come già detto, permette di giocare come si vuole con le collane: spesse, variopinte, vistose, corte o lunghe. Le fantasie, invece, richiedono qualcosa di più semplice che magari richiami un dettaglio: una maglia tempestata di cuoricini potrebbe intonarsi perfettamente con un ciondolo a forma di cuore.


La collana giusta in base all'occasione


Nel caso in cui si partecipi ad una cerimonia si dovranno evitare collane multicolor che invece possiamo prediligere con un outfit casual.

Per un'occasione importante, infatti, saranno più indicate collane in oro, in argento oppure fili di perle (su gioiellilaperla.com si possono trovare delle proposte interessanti).

Per momenti quotidiani sarà possibile optare anche per qualcosa di realizzato a mano o comunque più appariscente; si potrà puntare su materiali diversi e colori, abbinando più collane o giocando sulle lunghezze.
Come abbiamo potuto notare, la scelta della collana può dipendere da molti fattori, uno di questi è sicuramente il proprio gusto, l'elemento più soggettivo e che farà la differenza più per noi che per gli altri, ma è anche quello che ci farà sentire uniche e speciali e soprattutto in armonia con noi stesse.

Non dobbiamo trascurare però la regola numero uno della scelta della collana: mai esagerare.
Leggi tutto...