24/01/20

Il fascino della Catalogna: le città da non perdere in questa zona turistica della Spagna

La Catalogna, tutte le mete da visitare in questa splendida zona turistica in Spagna
barcellona

Spagna travel tips, quali città visitare in Catalogna, 

Il fascino della Catalogna è sicuramente dovuto in parte alla voglia di indipendenza dei suoi abitanti, che parlano una lingua diversa dallo spagnolo (lingua ufficiale della Spagna) e da sempre lottano per rivendicare la piena autonomia.

Ma non è tutto: questa regione della Spagna è arricchita da coste spettacolari, atmosfere d’altri tempi e attrazioni culturali. Ecco le città più belle della Catalogna, da visitare almeno una volta nella vita:

Barcellona e il fascino del Modernismo

Barcellona

Barcellona è famosa in tutto il mondo per la Sagrada Familia, la grande opera incompiuta di Antoni Gaudí. La basilica modernista, meta di milioni di visitatori ogni anno, sarà completata nel 2026, 100 anni dopo la morte di Gaudí. Per chi vuole sapere di più sul celebre architetto spagnolo ed il suo Modernismo, imperdibile è Casa Batlló, realizzata da Gaudí stesso per una ricca famiglia barcellonese. L’edificio è ancor oggi proprietà privata, ma i proprietari lo hanno aperto al pubblico, ospitando eventi e visite guidate. Oggi Casa Batlló è patrimonio UNESCO. Chi vuole sentirsi come un vero abitante della Catalogna, invece, non può perdersi i tapas bar ed i loro aperitivi a base di golosi stuzzichini.

Le tante feste di quartiere, le visite al Camp Nou e ai monumenti del genio Gaudì hanno reso Barcellona una meta imperdibile non solo per turisti ma anche per professionisti di settore, come il caso del poker, che richiama ogni anno numerosi partecipanti grazie ai suoi tanti tornei organizzati nel casinò della città, a due passi dalla spiaggia, altra attrazione immancabile durante le visite alla città catalana.

Girona e le atmosfere del Medioevo

Girona è particolarmente conosciuta per la sua cattedrale in stile romanesco-gotico, sede della Diocesi cattolica romana della città. La chiesa esisteva già al momento della conquista della Catalogna da parte del mondo arabo, nel 717, e fu utilizzata come moschea fino all’epoca di Carlo Magno. Nel 1015 subì il primo redesign, in puro stile romanesco, ad opera del vescovo Peter Roger. La cattedrale fu poi rimodernata in stile gotico da Pere Sacoma nei primi anni del 1300.

Un’altra attrazione da non perdere è il quartiere ebraico, che rappresenta la parte più antica della città. Nel XII secolo, la comunità ebraica della città catalana iniziò a rifugiarsi in questo luogo dall’atmosfera unica, per sfuggire alla persecuzione da parte della Chiesa. Con i suoi vicoli stretti e gli edifici dallo stile caratteristico, il quartiere ebraico è una preziosa testimonianza del Medioevo catalano.

Tarragona e le bellezze della Costa Dorata 

Catalogna

 Affacciata sulla Costa Dorata, Tarragona è una città ricca di storia. La cattedrale di Santa Tecla, innalzata nel 1171, sorge in un luogo precedentemente occupato da un tempio romano. Il suo stile è un mix tra Romanesco e Gotico. Sovrastata dall’iconico campanile, la cattedrale è arricchita da un rosone sulla facciata principale e dalle statue di Santa Tecla, Maria e San Paolo.

Da vedere anche il bellissimo circo romano, risalente al I secolo a. C., equipaggiato con 15.000 posti a sedere. Costruito a ridosso del mare per facilitare lo sbarco degli animali importati da terre esotiche, l’anfiteatro presenta, al centro dell’arena, i resti di una piccola basilica cristiana, dedicata a tre martiri che furono uccisi proprio al suo interno.

Cardona e la Muntanya de Sal 

Gli amanti della natura e della geologia non possono perdersi la montagna di sale di Cardona, formatasi per via del movimento delle placche terrestri che diede origine ai Pirenei. È composta da oltre cinquecento milioni di tonnellate di salgemma. Agli inizi del ‘900, al suo interno fu trovata una miniera di potassio. La Muntanya de Sal fu sfruttata fino agli anni ‘90 per l’estrazione del sale. Nei primi anni del 2000, fu donata al comune di Cardona e trasformata in attrazione turistica.

Oltre alla montagna di sale, a Cardona c’è un bellissimo castello medievale in stile romanico catalano. Di particolare interesse la Torre della Minyona (Torre della Fanciulla), che fece da prigione per la figlia del visconte della città. Il castello è situato su una collina a 589 m di altezza, nei pressi del fiume Cardener.

1 commento:

  1. It is a famous place, and this place is very beautiful!
    Thank you for sharing this history :)

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento a questo blog post e se hai domande o richieste di collaborazioni non esitare a contattarmi

Follow by Email